A.Rea. 21 : retrogaming e videogiochi dal 1996!
home [ Acorn | Amstrad | Apple | Arcade | ASCII | Atari | Coleco | Commodore | Dragon Data | Mattel | NEC | Nintendo | Sega | Sharp | Sinclair | SNK | Sony ] e-m@il
Carica un articolo casuale!
NO1 Imbarcato in tenera età su un cargo battente bandiera liberiana, NO1 ha sviluppato grazie ai suoi viaggi in giro per il mondo, e ai conseguenti contatti con numerose popolazioni indigene legate alle tradizioni, una smodata passione per l'antico. Passione che oggi riversa nel retrogaming, in particolare se targato Sega...

Sony PlayStation
Football Manager Campionato 2002
Codemasters | Hoodoo Studios
10 09 2022

Tenendo conto che i giochi manageriali legati al mondo dello sport non sono mai andati di moda sulle console e che in Italia sono saliti alla ribalta molto meno che da altre parti (Gran Bretagna in testa), il discorso legato a questa vecchia edizione di LMA Manager (ribattezzata dalle nostre parti Football Manager Campionato 2002) potrebbe chiudersi con una sentenza rapida e negativa. Aggiungiamo che LMA Manager 2002, pur con tutta la sua completezza, non è stato un titolo rivoluzionario e non è quindi riuscito a convertire quelli che non avevano mai preso in considerazione questo tipo di gioco, reputandolo nulla più che una successione di statistiche e un noioso barcamenarsi per far quadrare bilanci.

Condanna definitiva, quindi? Dipende. Come sanno bene tutti quelli che si sono ritrovati ad appassionarsi a queste gestioni virtuali di società calcistiche, il problema è l'avvio: spesso menu intricati e scarsa spettacolarità la fanno da padroni, almeno in un primo momento, ma poi, se si riesce a sfondare il muro e a entrare nel meccanismo di gioco, mollare la presa diventa difficile. La profondità e la longevità sono a prova di bomba (tanto da far ritenere impossibile la gestione di giochi come questi da parte delle vecchie console), con un coinvolgimento che può anche raggiungere livelli tali da compromettere la vita sociale.

Per di più LMA Manager 2002 può contare su una buona facilità d'uso e su una serie di piccoli spunti grafici che riescono a spezzare la linearità dello schema di gioco. La navigazione dei menu è infatti facilitata dall'uso intelligente dei tasti del controller (il che porta la giocabilità su livelli sconosciuti alla maggior parte dei titoli analoghi), mentre il rendiconto visivo delle partite raggiunge livelli plausibili, anche se la qualità della realizzazione resta distante da quella di una vera simulazione e anche se l'interattività durante le partite non va al di là di qualche tattica da correggere e di qualche sostituzione da effettuare.

Una volta ammesso che molti finiranno quindi per ignorare ogni forma di contributo visivo al gioco, per quanto gradevole, si dovrà però considerare che chi si accosta a LMA Manager sa bene che il suo punto di forza è da ricercare nella presenza di un gran numero di dettagli, mentre la componente grafica non può fare altro che svolgere dignitosamente un ruolo di contorno. Questo sequel contiene infatti tutto quello che aveva fatto dell'edizione precedente la simulazione manageriale più apprezzata da pubblico e critica. Quattro campionati inglesi e due italiani (A e B) da affrontare, una modalità che consente di concentrarsi su una quindicina di specifiche sfide di diversa difficoltà (come per esempio quella di evitare la retrocessione o arrivare alla vittoria nella Premiership inglese in un periodo di tre anni, partendo dalla seconda divisione), la disponibilità di una modalità di gioco rapido, quella di un 'two-player mode' e di un calciomercato che permette di contattare qualsiasi giocatore inserito nei ranghi UEFA danno l'idea di come possa risultare ampia la struttura di base di LMA Manager 2002.

Ma tutto questo resterebbe un contenitore vuoto se gli argomenti trattati non risultassero articolati con l'attenzione richiesta dal caso e dai tanti maniaci del fantacalcio. Si va dalla retribuzione dei fisioterapisti e degli osservatori ai budget settimanali, alle specifiche forme di allenamento, ai prestiti bancari, agli introiti da sponsor e cartelloni pubblicitari, alle modifiche a carico dello stadio, agli incassi delle partite, ai reportage sui calciatori, ai continui messaggi di aggiornamento. Ciò contribuisce a creare un panorama calcistico credibile, in cui svolgere la funzione di manager può rivelarsi estremamente complicato, ma anche molto coinvolgente. Se solo Codemasters, ai suoi tempi, ci avesse fatto la grazia di qualche innovazione un po' più concreta...

[NO1]


Immagini: 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10

home [ Acorn | Amstrad | Apple | Arcade | ASCII | Atari | Coleco | Commodore | Dragon Data | Mattel | NEC | Nintendo | Sega | Sharp | Sinclair | SNK | Sony ] Privacy e cookie | e-m@il