A.Rea. 21 : retrogaming e videogiochi dal 1996!
home [ Acorn | Amstrad | Apple | Arcade | ASCII | Atari | Coleco | Commodore | Dragon Data | Mattel | NEC | Nintendo | Sega | Sharp | Sinclair | SNK | Sony ] e-m@il
Carica un articolo casuale!
Nyabot Nyabot è praticamente un fantasma, qualcuno della cui esistenza gli stessi redattori di A.Rea. 21 dubitano spesso e volentieri. Compare di tanto in tanto, recensisce qualcosa e poi svanisce di nuovo, probabilmente per tornare nelle tenebre da cui era improvvisamente spuntato. Se lo incontrate, non fidatevi della sua apparenza tenera e coccolosa: tiene sempre in serbo un'ascia da lanciare all'indirizzo dei curiosi...

Sega Saturn
Assault Suit Leynos 2
Masaya | NCS | Kengo Miyata | Tomohiro Endo
09 07 2022

Sarà poi vero che il buongiorno si vede dal mattino? Quel che è certo è che se questo vecchio luogo comune fosse sempre attendibile, il qui presente Assault Suit Leynos 2 sarebbe probabilmente spacciato sin dal principio, soprattutto per via dell'ostica lingua usata nel manuale e nel gioco (ovvero il giapponese) e per la scadentissima presentazione in CG. E invece gli sviluppatori di Assault Suit Leynos 2 sono riusciti in un paio di imprese non da poco, ovvero coprire di ridicolo i curatori dell'introduzione e coniugare uno shoot'em up con una corposa dose di strategia. E mentre la prima delle imprese in questione lascia un po' il tempo che trova, la seconda fa sì che Assault Suit Leynos 2 risulti un titolo decisamente originale, profondo e soddisfacente.

Originalità e strategia in uno sparatutto? Ebbene sì. Correre in avanti sparando all'impazzata non porta nella maggior parte dei casi da nessuna parte, se non verso una prematura dipartita. Il ritmo del gioco è infatti generalmente lento e riflessivo, mentre la varietà delle missioni richiede un approccio specifico e ragionato per ognuna di esse. Ed è qui che il gioco diventa profondo, visto che l'elaborazione della tattica adatta al perseguimento degli obiettivi proposti si basa fondamentalmente sulla scelta dell'equipaggiamento del proprio mech e sulla condotta da tenere nel corso della battaglia vera e propria. Per quanto riguarda il primo aspetto, ovvero l'equipaggiamento, Assault Suit Leynos 2 presenta un completissimo menu (quasi tutto in inglese, per fortuna) di gestione tecnica dei mech; ce ne sono diversi modelli da adattare alle esigenze del caso tramite l'utilizzo di decine di armi con caratteristiche ben differenziate, di vari tipi di armature e di una miriade di dispositivi di potenziamento come baie di armamento aggiuntive, identificatori per l'analisi delle macchine nemiche, ausili per il movimento e altri utili giocattoli.

La sezione tecnica in questione è completissima e al tempo stesso immediata da utilizzare, e presenta chicche come la gestione vagamente 'ruolistica' delle caratteristiche del mech (ci sono un certo numero di punti da distribuire a piacimento tra i vari attributi), l'assegnazione di un peso a tutti i componenti (l'equipaggiamento non può oltrepassare il limite di carico trasportabile dal robot) e un sistema di scudi ricaricabili che si dimostra spesso provvidenziale nel corso del gioco. L'ultima nota per quanto riguarda la profondità ci porta alle missioni vere e proprie, che spaziano dalla semplice guerriglia armata alla protezione di un convoglio in territorio nemico, passando per un combattimento dimostrativo in un'arena e per l'assalto a una postazione avversaria difesa da un gigantesco cannone e da un subdolo sistema di allarme a infrarossi.

Il 'fattore soddisfazione' citato in apertura, infine, deriva da un ottimo sistema di controllo in cui si assegna un'arma a ogni tasto, dalla perfetta struttura delle missioni e dalla sensazione di far davvero parte di una guerra in cui si cerca di volgere la fortuna a proprio favore tramite una serie di compiti da portare a termine. Completano il quadro una trama che si sviluppa nel corso del gioco e l'interazione con i compagni di squadra, che cercano di dare man forte al giocatore nelle situazioni più calde (non sempre con effetti tangibili, purtroppo). Il difetto più invadente di Assault Suit Leynos 2, invece, è rappresentato da un livello di difficoltà che sconfina talvolta nella follia delle fasi di gioco più concitate, in cui ci si ritrova letteralmente sommersi dalle macchine nemiche e dai loro proiettili. Tale durezza genera un po' troppo spesso la necessità di ripetere la stessa missione parecchie (troppe) volte e, pur costituendo l'unico problema indubbiamente rilevante di Assault Suit Leynos 2, può risultare deleteria e scoraggiante.

[Nyabot]


Immagini: 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7

home [ Acorn | Amstrad | Apple | Arcade | ASCII | Atari | Coleco | Commodore | Dragon Data | Mattel | NEC | Nintendo | Sega | Sharp | Sinclair | SNK | Sony ] Privacy e cookie | e-m@il