A.Rea. 21 : retrogaming dal 1996!
home [ Acorn | Amstrad | Apple | Arcade | ASCII | Atari | Coleco | Commodore | Mattel | NEC | Nintendo | Sega | Sharp | Sinclair | SNK | Sony ] link | e-m@il
Carica un articolo casuale!
NO1 Imbarcato in tenera età su un cargo battente bandiera liberiana, NO1 ha sviluppato grazie ai suoi viaggi in giro per il mondo, e ai conseguenti contatti con numerose popolazioni indigene legate alle tradizioni, una smodata passione per l'antico. Passione che oggi riversa nel retrogaming, in particolare se targato Sega...

Sega Mega Drive
Wiz'n'Liz
Psygnosis | Martyn R. Chudley | Mike Waterworth
19 03 2006

Wiz e Liz sono una coppia nei guai: lui mago e lei strega, con tutte le magie in loro possesso non sono riusciti a impedire la misteriosa fuga dei loro conigli (e tutti sanno che se un mago non ha almeno un coniglio dentro un cappello può prima o poi ritrovarsi disoccupato). Le dispettose bestiole sgambettano in piena libertà, lungo i 56 livelli del gioco, in attesa di essere ritrovate - ma, essendo i due maghetti estremamente indaffarati, il tempo a disposizione per la cattura non è poi molto e tende a diminuire sempre di più. Conseguenza: Wiz e Liz si ritrovano a correre come matti un po' dappertutto lungo le simil piattaforme del piccolo pianeta Pum, afferrando coniglietti che, per ragioni di gameplay, rilasciano ogni volta lettere e bonus di vario tipo. Una volta che le lettere arrivano a comporre una determinata password, il livello è praticamente esaurito e non ci resta che rintracciare gli ultimi erbivori in fuga e trovare l'uscita (salvo l'incontro saltuario con qualche enorme boss).

Dato che tutto sembra molto semplice, a complicare un po' le cose entrano in gioco i bonus di cui sopra, che, sulla base di diverse combinazioni magiche, sono poi in grado di fornire vite extra, oppure l'accesso a sottogiochi nascosti (Pong, Snake, Breakout, Space Invaders!), oppure quello al locale negozio di power-up. Ora: se si riesce ad apprezzare la carineria di base (piccoli conigli, simpatici e minuscoli maghetti, musichette trascinanti ma quasi degne dello Zecchino d'Oro, fiori-frutta-e-stelline da collezionare) non si avrà alcun problema a notare anche l'estrema qualità del taglio grafico voluto da Mike Waterworth (sempre molto gradevole, continuamente variato e spesso di grande effetto), che si affianca a una presentazione praticamente perfetta (con un'ottima intro, con tanto di distorsioni e riflessi e con un quadro opzioni in grado di modificare concretamente l'impostazione del gameplay).

Il quale gameplay, però, resta sempre e ovviamente quello che è: estremamente immediato, molto lineare (niente nemici, tranne il tempo), adatto a tutti (curva della difficoltà impeccabile), veloce e furioso, ma incapace nella sua essenzialità di catturare l'attenzione di un adulto al di là dell'ora di gioco. Non che questo sia necessariamente un male: l'assoluta leggerezza del gioco (prodotto da Psygnosis, ma realizzato da Martyn Chudley) rende infatti Wiz'n'Liz un titolo ideale per partite veloci, magari da mollare rapidamente, ma da riesumare poi con la stessa rapidità (se non altro per l'eccellente modo per due giocatori in split screen).

Lanciato da Psygnosis proprio a metà del guado che l'avrebbe portata dai fasti dell'Amiga a quelli di Wipeout, Wiz'n'Liz dimostra ancora oggi, insieme al quasi contemporaneo Puggsy, la grande capacità di risollevarsi e di reinventarsi totalmente, anche grazie alla scoperta di nuovi talenti, della software house di Liverpool (capacità che purtroppo è poi venuta meno, tra acquisizioni esterne e rivoluzioni organizzative da parte di Sony). Dimostra anche come con un team esiguo (tra cui spicca il sostegno morale di una certa Sarah: meglio non indagare) si potessero realizzare, ai tempi, giochi deliziosi (mi spiace, ma il termine si addice perfettamente a Wiz'n'Liz, nel bene e nel male).

[NO1]


Immagini: 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6

home [ Acorn | Amstrad | Apple | Arcade | ASCII | Atari | Coleco | Commodore | Mattel | NEC | Nintendo | Sega | Sharp | Sinclair | SNK | Sony ] Privacy e cookie | e-m@il