A.Rea. 21 : retrogaming dal 1996!
home [ Acorn | Amstrad | Apple | Arcade | ASCII | Atari | Coleco | Commodore | Dragon Data | Mattel | NEC | Nintendo | Sega | Sharp | Sinclair | SNK | Sony ] link | e-m@il
Carica un articolo casuale!
Goliath Convinto sostenitore della pixel art e della massima semplicità nelle produzioni per le macchine attuali, Goliath non disdegna comunque i videogiochi propriamente moderni. Mastica un po' di tutto, dalle simulazioni sportive agli RPG, ma ha una predilezione mai sopita per l'azione dura e pura.

[nuRetro] Nintendo Switch
Cat Girl Without Salad: Amuse-Bouche
WayForward
08 04 2020

Disponibile anche su:
[ Windows ]

Nato come pesce d'aprile nel 2013 e poi divenuto realtà su PC nel 2016, Cat Girl Without Salad: Amuse-Bouche è un titolo davvero folle, com'è giusto che sia alla luce della sua genesi scherzosa. Per rispettare lo spirito goliardico dell'intero progetto, inoltre, il gioco è arrivato su Switch a sorpresa, senza annunci preliminari o presentazioni ufficiali, ma anche questo è giusto: se si architetta un pesce d'aprile bisogna portarlo avanti fino in fondo, anche quando smette di essere un'amichevole presa in giro e guadagna una forma tangibile. E il bello è che, pur essendo un titolo concettualmente semplicissimo, Cat Girl Without Salad: Amuse-Bouche rispetta quella che era la ridicola premessa del pesce d'aprile architettato da WayForward, ovvero la volontà di realizzare un 'ubergame' capace di pescare da parecchi generi diversi, come i 'puzzle game', i 'rhythm game', i giochi di piattaforme e gli RPG. Ma com'è possibile tutto ciò, dal momento che Cat Girl Without Salad: Amuse-Bouche è in fin dei conti uno sparatutto a scorrimento orizzontale?

Ebbene sì, il nuovo prodotto di WayForward è un classicissimo sparatutto con movimento da sinistra a destra. La protagonista è Kebako, ovvero una cacciatrice di taglie dall'intelligenza piuttosto limitata e dalla parlantina veloce, sopportata a stento dal suo assistente Squiddie. I due dialogano a getto praticamente continuo durante il gioco e gli scambi di battute sono davvero divertenti, a testimonianza degli sforzi profusi dagli sviluppatori nella scrittura dei testi e nel doppiaggio. L'argomento principale del parlottio è il cibo spazzatura, che rappresenta a tal punto la passione di Kebako da indurla a ricevere danni alla barra della salute nel caso in cui venga a contatto con l'insalata disseminata qua e là per i livelli. Le foglie vanno quindi evitate, così come vanno evitati gli avversari e i numerosi proiettili che essi indirizzano verso l'eroina: stiamo parlando pur sempre di uno sparatutto, e quindi l'obiettivo di base consiste nell'abbattere i nemici, schivarne gli attacchi e procedere fino agli immancabili scontri con i boss di fine livello, che in Cat Girl Without Salad: Amuse-Bouche sono suddivisi in fasi di difficoltà crescente.

Kebako è provvista di uno sparapiselli (l'arma di base degli sparatutto nel gergo degli esperti, che in Cat Girl Without Salad: Amuse-Bouche spara davvero dei pisellini verdi) con il quale non può sperare di ridurre a più miti consigli gli avversari più coriacei, ed è qui che entrano in scena l'idea di 'ubergame' e il ripescaggio di elementi da generi diversissimi tra loro. I potenziamenti sono infatti rappresentati da cartucce per console ispirate ai succitati molteplici generi, che vanno a sostituire lo sparapiselli con meccaniche completamente diverse che modificano considerevolmente lo stile di gioco da adottare. La cartuccia degli RPG, per esempio, dota Kebako di un menu dal quale può selezionare uno spadone (Final Fantasy VII docet) perfetto per gli attacchi ravvicinati, mentre quella dei 'rhythm game' trasforma gli assalti in un vero e proprio titolo del genere in questione con tanto di barre e frecce. La varietà dei potenziamenti è notevole e il modo in cui influiscono sullo sviluppo degli eventi è spassoso e al tempo stesso assai più cospicuo del previsto, il che rende Cat Girl Without Salad: Amuse-Bouche un'esperienza gradevole e bizzarra.

La grafica e il sonoro, infine, sono di ottimo livello, ma del resto questo è un autentico marchio di fabbrica per WayForward. Lo stile dei personaggi, nemici inclusi, è buffo quanto basta e i già citati dialoghi costituiscono il pezzo forte del reparto audio. La longevità è invece ridotta, ma non sarebbe stato giusto aspettarsi di più da un titolo nato come uno scherzo. Il prezzo di Cat Girl Without Salad: Amuse-Bouche, d'altro canto, è ragionevolmente basso e previene possibili lamentele in merito alla durata del gioco.

[Goliath]


Immagini: 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7

home [ Acorn | Amstrad | Apple | Arcade | ASCII | Atari | Coleco | Commodore | Dragon Data | Mattel | NEC | Nintendo | Sega | Sharp | Sinclair | SNK | Sony ] Privacy e cookie | e-m@il