A.Rea. 21 : retrogaming dal 1996!
home [ Acorn | Amstrad | Apple | Arcade | ASCII | Atari | Coleco | Commodore | Dragon Data | Mattel | NEC | Nintendo | Sega | Sharp | Sinclair | SNK | Sony ] link | e-m@il
Carica un articolo casuale!
NO1 Imbarcato in tenera età su un cargo battente bandiera liberiana, NO1 ha sviluppato grazie ai suoi viaggi in giro per il mondo, e ai conseguenti contatti con numerose popolazioni indigene legate alle tradizioni, una smodata passione per l'antico. Passione che oggi riversa nel retrogaming, in particolare se targato Sega...

Nintendo Super NES
Smash Tennis
Virgin | Namco
07 01 2020

Il brand Namco è stato a lungo sinonimo di PlayStation, la prima, quella che al debutto si portava dietro i suoi Ridge Racer e Tekken. Già solo questo basterebbe per elevare qualsiasi compagnia al livello di leader del settore, per sempre. Ma la casa di Kanagawa non ha avuto sempre vita facile, con alti e bassi vertiginosi che alla fine hanno portato alla sua dissoluzione (o come volete chiamare la sua fusione con Bandai e la scomparsa progressiva del marchio originale). Il periodo dei 16 bit, in particolare, ha rappresentato una fase di scarsa ispirazione, con titoli solo secondari a supportare il Super Nintendo e le altre console dell'epoca. Tra questi non bisogna però inserire il buon World Court Tennis per PC Engine e il successivo e altrettanto valido Super Family Tennis per la console Nintendo. Quest'ultimo (1993 in Giappone, ribattezzato Smash Tennis in Europa) nello specifico rivelava già nel titolo la sua natura leggera, indirizzata a giocatori di ogni età. Ma non bisogna confondere la leggerezza con la banalità.

Smash Tennis non è in effetti un gioco rigoroso, una ricostruzione minuziosa dei meccanismi del tennis vero e proprio (basta considerare la presenza di campi in sabbia collocati su spiagge tropicali, o quelli sulla cima di una montagna o nella hall di un resort). Ma la mancanza di realismo non si traduce in una carenza di spessore, o almeno non in senso lato. Qui non sono presenti finezze tecniche come la riproduzione dell'apertura preliminare di dritto e rovescio (vedi Jimmy Connors Tennis) o la riproduzione attenta dei movimenti di palla (Amazing Tennis) e se è per questo nemmeno la gamma di colpi di Super Tennis. Ma la varietà qui non manca comunque ed è affidata al diverso comportamento dei giocatori, tutti difficili da affrontare quando vengono controllati dalla CPU ma soprattutto dotati davvero di caratteristiche specifiche. C'è chi, ad esempio, riesce a mantenere una costante profondità di palla, mentre altri si ritrovano spesso ad allungare i propri colpi oltre la linea di fondo. Stessa cosa per quanto riguarda la velocità di spostamento, le capacità acrobatiche, la potenza e la regolarità del servizio, il gioco di attacco o i passanti.

Non bisogna poi pensare che Super Family Tennis/Smash Tennis sia un gioco del tutto inverosimile. Giustamente, ad esempio, quando il piazzamento del giocatore non è corretto la palla può assumere traiettorie irregolari e il colpo comunque non risulta abbastanza preciso o potente, proprio come succede nel tennis vero. Abbastanza sviluppata, poi, anche l'intelligenza artificiale con cui i tennisti avversari (da scegliere tra un totale di venti, nel modo esibizione o torneo) modificano la loro posizione e la loro strategia a seconda di come si comporta il giocatore umano. Ma i veri punti forti della produzione Namco sono altri. L'impostazione grafica era infatti tra le migliori del genere, con uno stile 'kawaii' tipico dei cartoon giapponesi e un dettaglio dei campi raramente riscontrabile, ai tempi, in simulazioni di questo tipo. Anche il sonoro svolge bene il suo compito, con musichette in stile 'jap' ed effetti ben diversificati. Dove però Smash Tennis si accende, con effetti entusiasmanti, è nella modalità multiplayer da due a quattro giocatori. Qui l'azione, mantenendo la velocità di base e la sua facilità di lettura, diventa imprevedibile, con effetti esilaranti. Forse non il migliore tennis su Super Nintendo, in somma (davvero poche opzioni, per dirne una), ma sicuramente il più accessibile tra i titoli analoghi di prima fascia.

[NO1]


Immagini: 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7

home [ Acorn | Amstrad | Apple | Arcade | ASCII | Atari | Coleco | Commodore | Dragon Data | Mattel | NEC | Nintendo | Sega | Sharp | Sinclair | SNK | Sony ] Privacy e cookie | e-m@il