A.Rea. 21 : retrogaming dal 1996!
home [ Acorn | Amstrad | Apple | Arcade | ASCII | Atari | Coleco | Commodore | Mattel | NEC | Nintendo | Sega | Sharp | Sinclair | SNK | Sony ] link | e-m@il
Carica un articolo casuale!
NO1 Imbarcato in tenera età su un cargo battente bandiera liberiana, NO1 ha sviluppato grazie ai suoi viaggi in giro per il mondo, e ai conseguenti contatti con numerose popolazioni indigene legate alle tradizioni, una smodata passione per l'antico. Passione che oggi riversa nel retrogaming, in particolare se targato Sega...

Nintendo Super NES
NBA Give 'N Go
Konami
28 10 2017

Il rapporto del Super Nintendo con lo sport non è mai andato troppo bene. Voglio dire: di giochi sportivi sulla console Nintendo ne sono passati tanti, ma come qualsiasi giocatore medio di una certa età potrà confermarvi, di buoni se ne sono visti pochi. Basta solo ripensare ai confronti imbarazzanti tra le versioni Mega Drive e Super NES di una stessa simulazione sportiva: spesso era facile decidere quale fosse la migliore, al di là delle faziosità delle software house (Electronic Arts in testa) e non solo per comprensibili differenze di processore.

Il campo dove il Super Nintendo si è in parte salvato è quello delle simulazioni sportive tridimensionali, dove il Super NES riusciva a mettere in campo quelle caratteristiche tecniche che lo avevano reso famoso fin dalla nascita. Penso per esempio a NCAA Basket o a tutte le uscite sportive Sculptured Software, realizzate sulla base del tipico Mode 7 nintendiano, con quelle strane rotazioni e con gli scorrimenti del piano di gioco che le console rivali non potevano in genere permettersi. Ma penso anche a questo Give 'N Go del 1995, derivazione diretta di un gioco da sala Konami (Run and Gun) che aveva impressionato tutti due anni prima con la sua grafica ipertrofica e spettacolare, anche se lontana dal fotorealismo che caratterizzerà le produzioni negli anni successivi. Come al solito la trasposizione su console non risparmiava compromessi, con meno dettagli e più 'blur', ma anche con qualche deficit a carico del gameplay (che soffre a causa della minore fluidità delle animazioni e dell'omogeneizzazione degli sprite, tutti un po' rimpiccioliti ma simili come proporzioni, con conseguenze non previste). Ma a parte questo il modello di gioco resta identico, nel bene e nel male, con un approccio arcade e un ritmo di gioco più vicino a quello di NBA Jam che a quello di una qualsiasi simulazione seria, in stile NBA Live/EA.

Il che, tenendo conto di altri tentativi disastrosi da parte di Konami Sports, come il successivo In the Zone, non era proprio un male. Lo scorrimento sfrutta il Mode 7 solo parzialmente, data l'inquadratura fissa alle spalle del portatore di palla, e forse anche per questo l'effetto è quello di un campo piccolo, con azioni frenetiche, continui ribaltamenti di fronte e un insistito ricorso a interventi a effetto come alley-oop o schiacciate. L'impressione complessiva è appunto quella di un gioco immediatamente fruibile ma a cui non si può chiedere più di tanto, alla faccia delle opzioni concesse (licenza ufficiale NBA, giocatori reali, play-off, gestione delle squadre, presenza o meno di regole arbitrali, All Star Team, stagione intera, più livelli di difficoltà, un buon '4-player mode' previo acquisto di un adattatore). Ma il gameplay, come dicevamo, per quanto lineare riesce lo stesso a soffrire di qualche incoerenza: basti pensare alla gestione delle stoppate e dei rimbalzi, con giocatori riprodotti qui con la stessa altezza, come dicevamo, o a quella dei tiri, dipendente più dalle statistiche di base dei giocatori che dai comandi del joypad. Comandi che, almeno come risposta, funzionano senza ritardi o incertezze, regalando una sensazione di ordine ad azioni che appaiono spesso dominate dal caos o dalla CPU. L'audio segue lo stesso tipo di impostazione arcade, concedendosi allegre musichette durante le partite e tormentandoci con i tradizionali effetti sonori da partita di basket. NBA Give 'N Go resta comunque uno dei giochi più spettacolari da veder girare sul Super Nintendo e una delle sorprese più grosse, in questo senso: basta solo non chiedergli più realismo di quanto ne può dare.

[NO1]


Immagini: 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8

home [ Acorn | Amstrad | Apple | Arcade | ASCII | Atari | Coleco | Commodore | Mattel | NEC | Nintendo | Sega | Sharp | Sinclair | SNK | Sony ] Privacy e cookie | e-m@il