A.Rea. 21 : retrogaming dal 1996!
home [ Acorn | Amstrad | Apple | Arcade | ASCII | Atari | Coleco | Commodore | Mattel | NEC | Nintendo | Sega | Sharp | Sinclair | SNK | Sony ] link | e-m@il
Carica un articolo casuale!
NO1 Imbarcato in tenera età su un cargo battente bandiera liberiana, NO1 ha sviluppato grazie ai suoi viaggi in giro per il mondo, e ai conseguenti contatti con numerose popolazioni indigene legate alle tradizioni, una smodata passione per l'antico. Passione che oggi riversa nel retrogaming, in particolare se targato Sega...

Nintendo Game Boy
Final Fantasy Legend II
Square
06 10 2015

È stato un giorno terribile quello in cui tuo padre è saltato dalla finestra della stanza da letto, scappando di casa per rimettere a posto le cose nel mondo - almeno così aveva detto - e per ritrovare i 77 pezzi dell'antica sorgente di potere benigno conosciuta come Magi (grande scusa, altro che vado a comprare le sigarette!). Tu non l'hai mai dimenticato e dopo tutti questi anni hai deciso di rimettere ancora le cose a posto, andando a cercare questa/o fantomatica/o Magi e la corrispondente statua della dea Isis per conto tuo, magari provando a ritrovare anche il babbo smarrito lungo le strade del mondo.

Ma è una ricerca lunga e da solo non ce la puoi fare: così, un po' come Frodo nella sua odissea lungo la Terra di Mezzo, decidi di portarti dietro un gruppo di compagni fidati. Il team è abbastanza esile (quattro personaggi in tutto), ma può essere composto da una gamma di esseri umani, robot, mutanti e mostri, ognuno con specifiche caratteristiche ed esiti conseguenti sul livello di difficoltà, come i giochi di ruolo più ortodossi allora volevano (Final Fantasy Legend II, con il veterano Square Akitoshi Kawazu alla direzione dei lavori, è uscito in Nord America nel 1991). A dire la verità il portatile Nintendo non era abituato a tanta seriosità e soprattutto non lo erano i suoi fruitori abituali. A sorpresa, invece, si sfiorò un successo commerciale non preventivato, almeno in USA, e pure il capolavoro, anche perché questo è uno dei pochi rappresentanti del marchio Final Fantasy usciti sui mercati occidentali nei primi anni novanta, catalogo Super Nintendo incluso. Anzi: se vogliamo dirla tutta nemmeno in questo caso si può parlare di vero Final Fantasy. Il nostro Legend II, infatti, altro non è che la conversione anglofona di SaGa 2: Hihou Densetsu, secondo episodio di una striscia meno celebre di giochi di ruolo Square. Ma, evidentemente, il pubblico voleva qualcosa che rimandasse comunque alla serie più popolare e il marketing ne prese atto.

La lunga missione vi porta attraverso nove mondi e molte città popolate da gente simpatica che vi fornirà informazioni, utili o più spesso ilari, insieme ad armi e oggettistica varia, ma vi condurrà anche attraverso terre selvagge zeppe di mostri da affrontare senza tregua. I combattimenti seguono lo schema classico dei 'role playing game' di una volta: interventi a turni, basati su statistiche, intervallati da eventuali recuperi di energia, con acquisizione finale di punti e denari da spendere nelle botteghe cittadine. Il che rappresenta un fattore decisivo, stante lo strano deterioramento progressivo di oggetti e armi che i programmatori hanno deciso di inserire, forse per aumentare un grado di difficoltà complessivamente non elevatissimo. Chiaro che alla fine i punti di forza di un gioco di ruolo come questo sono rappresentati dall'enormità dell'esplorazione - non solo quella relativa ai labirinti - e dalle finezze progressivamente acquisite in combattimento (per non parlare delle variazioni di contenuto derivanti dai diversi team scelti e della scarsa concorrenza diretta su una piattaforma come questa). Il pericolo incombente è invece quello della ripetizione degli schemi di base, con un'assenza di enigmi veri e propri e un'insistenza dei combattimenti che alla lunga può scoraggiare i giocatori non affezionati a questi reperti archeologici.

Final Fantasy Legend II non ha però l'aspetto di un vero reperto, anche mettendo in conto i limiti tecnici del Game Boy: la grafica è chiara, dettagliata e superiore alla media degli altri titoli in bianco e nero concessi al vecchio portatile Nintendo, mentre il commento musicale, affidato ai collaudati Nobuo Uematsu e Kenji Ito, è ottimo, anche se forzatamente non così vario e limpido come si sarebbe voluto. Final Fantasy Legend II, comunque, ha il grosso vantaggio del retaggio Square, allora inarrivabile nel campo dei giochi di ruolo. Anche se, come abbiamo detto, non si può parlare di parentela diretta con altri episodi della saga Final Fantasy, l'esperienza raccolta dai programmatori si sente e si vede, con una classe che emerge subito e fa collocare Final Fantasy Legend II nella cerchia dei titoli migliori per Game Boy.

[NO1]


Immagini: 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8

home [ Acorn | Amstrad | Apple | Arcade | ASCII | Atari | Coleco | Commodore | Mattel | NEC | Nintendo | Sega | Sharp | Sinclair | SNK | Sony ] Privacy e cookie | e-m@il