A.Rea. 21 : retrogaming dal 1996!
home [ Acorn | Amstrad | Apple | Arcade | ASCII | Atari | Coleco | Commodore | Mattel | NEC | Nintendo | Sega | Sharp | Sinclair | SNK | Sony ] link | e-m@il
Carica un articolo casuale!
Kaltmond Un pivello inesperto ma con tanta voglia di fare, si avvicina al retrogaming non per nostalgia, ma per bisogno d'ossigeno, nel mare di produzioni mainstream sempre più vuote, senz'anima e senza cervello. Ha venduto e spacciato migliaia di giochi a milioni di nabbi, hardcore gamer e trogloditi, ma il bisogno di mettere su carta, anzi, su schermo le sue elucubrazioni e riflessioni sui quei giochini tanto amati diventa ogni giorno più forte.

Sega Master System
Psycho Fox
Sega | Vic Tokai | Blushed Machiya | Cheeked Shotaro | Monkey Naochan | Big Nose Ohkawa | Professor Toshi | Dark Side Toshi | Peetan Yamaguchi
01 02 2015

Successore spirituale di Kid Kool, sempre della 'defunta' (videoludicamente parlando) Vic Tokai, Pyscho Fox - platform 2D per Master System - non ottenne mai il successo meritato. Nintendo aveva Mario e SEGA, nell'89, aveva occhi solo per Alex Kidd, l'unica nemesi (almeno fino all'arrivo di Sonic) in grado di contrastare lo strapotere del baffuto idraulico.

Eppure Psycho Fox era (ed è tuttora) un piacere da giocare e merita tutta la vostra attenzione. La grafica, per l'epoca, era un qualcosa di pazzesco, coloratissima e impreziosita da piacevoli cambi d'atmosfera da un mondo all'altro. La bellezza pixellosa trasudata da deserti, manti erbosi e scivolose lastre di ghiaccio veniva smorzata unicamente dalle sequenze 'indoor', con gli sfondi delle 'location' al chiuso totalmente neri.

Tra i suoi punti di forza spiccavano certamente l'ispiratissimo level design 'multistrato' e l'alternanza dei quattro protagonisti, totalmente affidata al giocatore: nonostante fosse la volpe del titolo a prendersi tutto il merito, l'onorevole animale poteva trasformarsi in altre tre bestie grazie a speciali talismani disseminati qua e là nel mondo di gioco.

C'era il possente ippopotamo, in grado di garantire l'accesso a nuove aree spaccando con un pugno delle pareti apparentemente indistruttibili; la tigre, veloce e scattante, e la scimmia, agile ed elastica, perfetta per raggiungere con un balzo piattaforme irraggiungibili per i 'colleghi'. Piuttosto che focalizzarsi su muri invisibili o porte segrete, il team preferì suddividere i livelli in 'fasce' multiple, quasi a voler invitare il giocatore ad avventurarsi più volte e a scegliere strade differenti nei 'playthrough' successivi, optando magari per la via dell'ippopotamo nella prima tornata e per un balzo fino al cielo nella successiva grazie alla scimmia, andando di volta in volta a scovare nuovi e succosi oggetti.

Questi, nascosti all'interno di uova, spaziavano dai succitati talismani necessari per la trasformazione a una speciale pozione che garantiva l'invincibilità per qualche secondo, fino alla bambola rituale che attirava a sé e polverizzava tutti i nemici presenti sullo schermo, senza poi dimenticare dei sacchetti di denaro con i quali era possibile scommettere tra un quadro e l'altro. Prima di iniziare il livello successivo veniva infatti offerta l'opportunità di puntare su uno tra cinque labirintici percorsi, i quali conducevano a uno '1-up', a uno degli utili oggetti o a un bel nulla di fatto: una trovata tanto frustrante (solo il fato o un'ottima memoria potevano aiutare a ottenere il 'power-up' desiderato) quanto stimolante, in quanto spingeva il giocatore a ripercorrere ogni livello alla ricerca di ogni possibile sacchetto.

Non mancavano poi tanti agguerriti nemici, scagnozzi del dio malvagio Madfox Daimyojin da sconfiggere a suon di pugni o saltando su di essi (le uniche azioni a disposizione di Fox e dei suoi amici). Forse, però, è proprio la trama estremamente scarna ed esposta senza troppi convenevoli, né sequenze introduttive o dialoghi, a rendere meno intrigante o memorabile il titolo, complice anche il ripetersi delle melodie della colonna sonora (godibili, ma riproposte fino allo sfinimento) o degli stessi boss, comunque divertenti da massacrare (almeno la prima volta). L'estrema e appagante difficoltà (con salti da calcolare al millimetro), le centinaia di nemici, la possibilità di cambiare protagonista in qualsiasi momento e il comparto grafico, in compenso, lo resero e lo rendono tuttora una vera gemma ingiustamente dimenticata.

[Kaltmond]


Immagini: 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7

home [ Acorn | Amstrad | Apple | Arcade | ASCII | Atari | Coleco | Commodore | Mattel | NEC | Nintendo | Sega | Sharp | Sinclair | SNK | Sony ] Privacy e cookie | e-m@il