A.Rea. 21 : retrogaming dal 1996!
home [ Acorn | Amstrad | Apple | Arcade | ASCII | Atari | Coleco | Commodore | Mattel | NEC | Nintendo | Sega | Sharp | Sinclair | SNK | Sony ] link | e-m@il
Carica un articolo casuale!
Nyabot Nyabot è praticamente un fantasma, qualcuno della cui esistenza gli stessi redattori di A.Rea. 21 dubitano spesso e volentieri. Compare di tanto in tanto, recensisce qualcosa e poi svanisce di nuovo, probabilmente per tornare nelle tenebre da cui era improvvisamente spuntato. Se lo incontrate, non fidatevi della sua apparenza tenera e coccolosa: tiene sempre in serbo un'ascia da lanciare all'indirizzo dei curiosi...

Sinclair ZX Spectrum
Rock Star Ate My Hamster!
Codemasters | Colin Jones
11 11 2007

Volgare, dissacrante, irrispettoso e irresistibilmente ironico: Rock Star Ate My Hamster! era la risposta di Codemasters agli eccessi di divismo dell'industria musicale degli anni 80, ed era una risposta davvero schietta e inequivocabile. Il gioco, in effetti, non spiccava per complessità ed era una semplice simulazione gestionale in cui era necessario portare al successo un solista o una band, occupandosi della pubblicità, dell'organizzazione dei concerti, degli investimenti che qualsiasi produzione musicale comporta e, in generale, operando scelte prelevate direttamente da una rosa di possibilità più o meno folli offerte dal gioco.

Dove Rock Star Ate My Hamster! brillava sul serio, però, era nel calcare la mano sugli scandali spesso e volentieri associati alle rockstar dell'epoca, riprodotte nel gioco in forma caricaturale e bersagliate tra una sessione di prove e l'altra tramite esilaranti prime pagine tratte da giornali scandalistici fittizi. Anche i nomi selezionabili per la propria band risaltavano per idiozia, il che probabilmente non era altro che l'ennesima critica ad un tempo in cui un nome in grado di catturare l'attenzione era più importante delle capacità canore e musicali di un gruppo. L'ironia, insomma, era il vero punto forte di Rock Star Ate My Hamster!, al punto da riuscire a far passare in secondo piano una struttura tanto semplice da risultare alla lunga noiosa, ma comunque non sufficientemente tediosa da poter affossare un prodotto in grado di far ridere di cuore, più e più volte per ogni sessione di gioco.

[Nyabot]


Immagini: 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7

home [ Acorn | Amstrad | Apple | Arcade | ASCII | Atari | Coleco | Commodore | Mattel | NEC | Nintendo | Sega | Sharp | Sinclair | SNK | Sony ] Privacy e cookie | e-m@il