A.Rea. 21 : retrogaming dal 1996!
home [ Acorn | Amstrad | Apple | Arcade | ASCII | Atari | Coleco | Commodore | Mattel | NEC | Nintendo | Sega | Sharp | Sinclair | SNK | Sony ] link | e-m@il
Carica un articolo casuale!
Shrapnel Dopo aver fondato A.Rea. 21 insieme a NO1 e LH3CT, Shrapnel ha svolto il lavoro di mantenimento del sito fino alla chiusura dello stesso e ne ha poi curato la riapertura. Ha scritto su Super Console, Mega Console, Videogiochi e PSM, ha gestito per due anni e mezzo un negozio di videogiochi e ha lavorato come game designer e sceneggiatore su uno sparatutto per PC intitolato Steel Saviour. Attualmente scrive per un paio di riviste cartacee dedicate agli utenti iOS e macOS.

Commodore 64
Samurai Warrior: The Battles Of Usagi Yojimbo
Firebird | Beam Software
16 10 2005

L'esaltante trasposizione digitale delle eroiche gesta del coniglio samurai Usagi Yojimbo costituisce senza ombra di dubbio uno dei momenti più elevati da un punto di vista squisitamente artistico nella gloriosa carriera del Commodore 64, e questo è quanto. Pochi titoli possono infatti vantare, anche al giorno d'oggi, un gameplay intrigante come quello realizzato da Beam, basato su un'eccellente ed originalissima fusione tra combattimenti all'arma bianca, peregrinazioni degne di un vero samurai errante e disquisizioni a sfondo mistico. Basti dire, ad esempio, che nel corso del suo viaggio Usagi dovrà seguire alla lettera il bushido (il codice comportamentale dei samurai), che gli imporrà di eseguire determinate azioni per elevare il suo karma. A tale scopo l'impavido coniglio dovrà concedere donazioni agli umili contadini in cui si imbatterà nelle aree di campagna, oppure riverire i monaci che incontrerà lungo il suo cammino, i quali rifiuteranno tra l'altro ogni forma di elemosina (come stabilito dalla loro etica) e reagiranno in malo modo se fronteggiati con la spada sguainata. Usagi dovrà inoltre stare attento a non colpire alle spalle i propri avversari, estratti da un ricco campionario di animali antropomorfi presentati nelle vesti di ninja (talvolta camuffati da comuni cittadini) e samurai reietti, per non parlare degli immancabili e abominevoli mostri veri e propri.

A completare l'idilliaco quadro delle avventure di Usagi Yojimbo contribuisce un aspetto audiovisivo estremamente accattivante, che spazia dai buoni livelli raggiunti dalla grafica (chiara nel tratto e gradevole nei colori) a quelli assolutamente eccezionali toccati dalla sezione audio, che annovera alcuni tra i migliori temi musicali mai ascoltati sul Commodore 64. Se affrontato con lo spirito giusto, insomma, Samurai Warrior può diventare una vera esperienza, e non un semplice gioco, il che dovrebbe lasciare intuire la grandezza di questo indimenticabile capolavoro a 8 bit.

[Shrapnel]


Immagini: 1 | 2 | 3 | 4

home [ Acorn | Amstrad | Apple | Arcade | ASCII | Atari | Coleco | Commodore | Mattel | NEC | Nintendo | Sega | Sharp | Sinclair | SNK | Sony ] Privacy e cookie | e-m@il