A.Rea. 21 : retrogaming dal 1996!
home [ Acorn | Amstrad | Apple | Arcade | ASCII | Atari | Coleco | Commodore | Mattel | NEC | Nintendo | Sega | Sharp | Sinclair | SNK | Sony ] link | e-m@il
Carica un articolo casuale!
NO1 Imbarcato in tenera età su un cargo battente bandiera liberiana, NO1 ha sviluppato grazie ai suoi viaggi in giro per il mondo, e ai conseguenti contatti con numerose popolazioni indigene legate alle tradizioni, una smodata passione per l'antico. Passione che oggi riversa nel retrogaming, in particolare se targato Sega...

Nintendo Super NES
Zombies Ate My Neighbors
Konami | Lucas
28 05 2006

Specializzata come era in avventure grafiche in stile Monkey Island, LucasArts ha cocciutamente battuto strade alternative quando si è trattato di produrre in esclusiva per le console, almeno nei primi anni novanta. Strade non di poco alternative: probabilmente costretti dai presunti limiti tecnici di Super Nintendo e Megadrive (o molto più probabilmente convinti di uno scarso riscontro da parte di un'audience molto giovane e apparentemente assaipigra), i capoccia responsabili del marketing in LucasArts hanno sempre scelto di pubblicare, in questi casi, giochi impostati secondo i canoni più tradizionali del catalogo a 16 bit per teen-ager.

Come però dimostra questo Zombies Ate My Neighbors, avventure grafiche o no, la stoffa quando c'è non si perde mai del tutto. Zombies Ate My Neighbors infatti, pur mantenendo una struttura da clone di Gauntlet, abbastanza semplice e di certo già vista, trasuda classe da tutte le parti, tanto da apparire come un caso ludico a sé. L'idea di base è quella di un'invasione ai danni di una cittadina (apparentemente americana e sita nel Mid-West) a opera di tutti i membri dei cast classicamente presenti nei film horror di serie B. Alla ricerca famelica di vecchiette, cuochi, cheerleader, ciccioni in piscina, infanti, turisti per caso e civili vari si scatena così tutto un apparato di morti viventi, lupi mannari, mostri della laguna, psico-killer, marziani, scienziati pazzi, mummie (l'avventura infatti si espande in un secondo momento verso altri scenari, come quelli tipicamente egizi) e orribile parentado vario.

Il bello di Zombies Ate My Neighbors è il non voler pretendere, all'interno di questa struttura lineare, di essere nulla di più di quello che è e appare: un arcade non banale (pieno di oggetti da ritrovare, armi più o meno adatte alle varie circostanze, labirinti difficili da decifrare, stanze chiuse e aree nascoste, vittime da salvare con una certa urgenza), ma sicuramente liberato da inutili complicazioni - un gioco di ricerca che si affida completamente allo scarico di adrenalina (e quindi molto coriaceo e molto distante dalla tranquilla esplorazione delle storie point & click tipiche di LucasArts), un Gauntlet impazzito che non concede mai cadute di ritmo (che vi piaccia o no, qui mostri e avversari saltano fuori ad un ritmo industriale, con continue resurrezioni e senza nessuna possibilità di rilassamento da parte dei due ragazzini coinvolti nel salvataggio del vicinato, soprattutto nella seconda metà della cinquantina di livelli presenti).

L'unicità di Zombies Ate My Neighbors è affidata invece alla incredibile cura (qui parliamo sempre di cartucce con al massimo 16 megabit di memoria) con cui si è riusciti a produrlo: presentazione da film anni cinquanta, sonoro perfetto, grafica ultracolorata e dettagliata contribuiscono a portare il tutto sopra le righe e a creare una atmosfera esagerata, esattamente in linea con lo spirito del gioco e con gli standard, molto elevati, a cui LucasArts ci ha da sempre abituato. La ciliegina sulla torta è rappresentata da una travolgente modalità per due giocatori, che moltiplica per due il divertimento (stavolta sul serio), che ha il merito di abbassare leggermente l'intensità del gameplay aggiungendo ulteriori aspetti strategici e che è stata più volte considerata, anche nei successivi anni, come un esempio difficilmente replicabile.

[NO1]


Immagini: 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6

home [ Acorn | Amstrad | Apple | Arcade | ASCII | Atari | Coleco | Commodore | Mattel | NEC | Nintendo | Sega | Sharp | Sinclair | SNK | Sony ] Privacy e cookie | e-m@il